Le notti delle Streghe

Le notti delle streghe – mistero a Rifreddo è la proposta turistico-culturale del Comune di Rifreddo (Cn) che si svolge a fine ottobre per valorizzare il patrimonio culturale locale, a partire dall’antico Monastero di Santa Maria della Stella, al massiccio del Mombracco che in autunno si presenta in tutto il suo fascino. Proprio al Mombracco sono legate leggende popolari che narrano di masche, faje ed altri terrificanti esseri che hanno terrorizzato intere generazioni di rifreddesi. Inoltre Rifreddo è stato nel 1495 teatro di atroci persecuzioni alle streghe, con processi ad alcune donne del luogo ritenute responsabili di eresia. I documenti storici dei processi alle streghe, rinvenuti presso l’archivio storico del Comune, sono stati oggetto di recenti studi da parte dei Proff. Comba, Grado Merlo e Nicolini con la pubblicazione del volume “Lucea talvolta la luna. I processi alle masche di Rifreddo e Gambasca del 1495” (con il patrocinio del Comune di Rifreddo e della Provincia di Cuneo). L’evento nel 2011 ha avuto il riconoscimento di "Meraviglia Italiana" da parte della Camera dei Deputati e prevede attività ludico-creative per bambini, passeggiate naturalistiche, camminate con animazioni teatrali, racconti e letture del mistero, degustazioni.

La manifestazione “Le notti delle streghe” nasce nel 2009 per volontà del neoeletto sindaco del paese Cesare Cavallo e dell’allora assessore alla cultura Erika Mustazzù. Nella prima edizione si delinea lo schema della manifestazione su due giorni con l’evento clou “Terrore nel borgo” posizionato il sabato sera dell’ultima settimana di ottobre ed il secondo evento: generalmente una passeggiata naturalistico-magica sulle pendici del Montre Bracco a data variabile.

Per ciò che consta la passeggiata animata “Terrore nel borgo” che vede i visitatori vagare per le vie completamente buie di Rifreddo, accompagnati solo da un fantasma muto armato di torcia a vento, ed incontrare per nelle stesse streghe, masche ed altri starni esseri delle magiche tradizioni del Monte Bracco occorre dire che alla prima edizione parteciparono 200 persone. Persone che però furono letteralmente schioccate ed entusiasmate da ciò che videro tanto che negli anni successivi la progressione di visitatori è stata tale da portare nel piccolo comune della Valle Po 5000 visitatori.

Questo è cosa sono “Le notti delle streghe” fino ad oggi. Cosa saranno domani non c’è dato di sapere anche perché l’unica verità assoluta è che quando cala il buio su Rifreddo nell’ultimo week-end di ottobre, dal 1495 ad oggi, nessuno è in grado di prevedere cosa possa succedere. Ne consegue che se volete sapere come proseguirà questa storia millenaria dovrete per forza venire a trovarci.


Curiosità

  • 1495 Processi alle streghe di Rifreddo
  • 2000 ritrovamento ed inizio valorizzazione documenti storici
  • 2005 Esce il volume “Lucea talvolta la luna. I processi alle masche di Rifreddo e Gambasca del 1495” autori i professori Comba, Grado Merlo e Nicolini
  • 2009 Nascono “Le notti delle streghe”
  • 2011 “Le notti delle streghe” vengono premiate alla Camera dei Deputati e diventano "Meraviglia Italiana"
  • 2014 I partecipanti alla manifestazione superano le 5000 unita
  • 2015 nasce il portale web “lenotti delle streghe.eu”
  • La storia continua ... o almeno speriamo....

La manifestazione “Le notti delle streghe” nasce nel 2009 per volontà del neoeletto sindaco del paese Cesare Cavallo e dell’allora assessore alla cultura Erika Mustazzù alla prima edizione parteciparono 200 persone. Persone che però furono letteralmente schioccate ed entusiasmate da ciò che videro tanto che negli anni successivi la progressione di visitatori è stata tale da portare nel piccolo comune della Valle Po nel 2014 oltre 5000 visitatori.

Di masche, di luna, di donne e altre diavolerie

"Le streghe di Rifreddo"

Le notti delle Streghe utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento