Le radici Storiche

“Le notti delle streghe” affondano la loro ragione di esistere nella storia che abbraccia il Comune di Rifreddo ed il massiccio del Monte Bracco che lo sovrasta. Una storia fatte certo di racconti di fatti apparentemente magici e di leggende trasmesse oralmente di generazione in generazione dagli abitanti del luogo ma anche da importantissimi documenti storici conservati nell’archivio del piccolo comune di Rifreddo in Valle Po.

Sul primo versante sono innumerevoli, infatti, gli accadimenti che raccontati dai protagonisti o da chi vi aveva assistito di azioni perpetrate dalle conosciutissime streghe e masche ma anche da Servanot, folletti ed altri esseri che popolano i boschi di castagni che avvolgono la “Montagna di Leonardo”.

Sull’altro versante molto più tangibile e storicamente probante si trovano invece i verbali dei processi alle streghe del 1495 tuttora conservati nell’archivio storico comunale. Una serie di documenti che rappresentano quasi un unicum nazionale visto che la gran parte dei documenti storici di quell’epoca è andata persa. A conferma che “Le notti delle streghe” poggia su solide basi storiche negli stessi vengono raccontate molte delle cose che poi, tradotte ed arrangiate per una manifestazione che non vuol essere una dotta rievocazione storica ma un evento per tutti, si vedono in “Terrore nel borgo”.

Il particolare negli stessi si trova tutta la storia processuale che porta alla condanna di alcune donne del luogo in seguito ed un misterioso omicidio perpetrato ai danni di una inserviente della badessa del monastero di Santa Maria di Rifreddo che regnava su una buona parte del saluzzese. Un processo inquisitorio con tanto di descrizione di torture, confessioni fino ad arrivare alla condanna non solo della presunta streghe autrice del mortale maleficio ma anche di tutte le sue complici e presunte aderenti alla confraternita delle donne sospettate di andare di notte "ad corrizandum cum aliis maschis".

Atti magistralmente raccontati da parte dei professori Comba, Grado Merlo e Nicolini nel volume “Lucea talvolta la luna. I processi alle masche di Rifreddo e Gambasca del 1495” edito con il patrocinio del Comune di Rifreddo e della Provincia di Cuneo.

Un volume senza il quale risulta impossibile comprendere a pieno il significato storico e se vogliano a anche morale di una manifestazione come “Le notti delle streghe”. Infatti noi piace pensare che sia le streghe sia le tante magiche creature che popolavano le nostre zone bistrattate dai loro contemporanei risorgano ora e si prendano una giusta rivincita ai giorni nostri terrorizzandoci per una sera.

Curiosità

  • 1495 Processi alle streghe di Rifreddo
  • 2000 ritrovamento ed inizio valorizzazione documenti storici
  • 2005 Esce il volume “Lucea talvolta la luna. I processi alle masche di Rifreddo e Gambasca del 1495” autori i professori Comba, Grado Merlo e Nicolini
  • 2009 Nascono “Le notti delle streghe”
  • 2011 “Le notti delle streghe” vengono premiate alla Camera dei Deputati e diventano "Meraviglia Italiana"
  • 2014 I partecipanti alla manifestazione superano le 5000 unita
  • 2015 nasce il portale web “lenotti delle streghe.eu”
  • La storia continua ... o almeno speriamo....

La manifestazione “Le notti delle streghe” nasce nel 2009 per volontà del neoeletto sindaco del paese Cesare Cavallo e dell’allora assessore alla cultura Erika Mustazzù alla prima edizione parteciparono 200 persone. Persone che però furono letteralmente schioccate ed entusiasmate da ciò che videro tanto che negli anni successivi la progressione di visitatori è stata tale da portare nel piccolo comune della Valle Po nel 2014 oltre 5000 visitatori.

Di masche, di luna, di donne e altre diavolerie

"Le streghe di Rifreddo"

Le notti delle Streghe utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento